Succhiamento del ciuccio e del dito: quando e perché il tuo bambino dovrebbe smettere?

ll succhiamento del ciuccio o del dito, detto tecnicamente “suzione non nutriva”, è una delle abitudini più frequenti nei bambini. Infatti, interessa il 75-95 % della popolazione in età infantile. Questa abitudine si instaura molto presto, talvolta già in fase prenatale (tra la 17° e la 32° settimana di vita) e incide positivamente sulla regolazione del battito cardiaco, sulla respirazione e sullo scarico di tensione e stress del bambino. Generalmente, è un’abitudine che tende a scomparire spontaneamente, verso il terzo anno di vita. Se però questo non accade, i bambini potrebbero andare incontro a problematiche diverse. 

Quali sono le problematiche causate da un succhiamento prolungato di ciuccio e dito?

I problemi che possono derivare dal succhiamento protratto del ciuccio e del dito sono:

  • persistenza della deglutizione infantile, detta anche atipica;
  • incompetenza labiale;
  • problemi masticatori e fonetici: il bambino che ciuccia è infatti limitato nel comunicare e nell’interagire con gli altri;
  • instaurarsi di malocclusioni: un succhiamento insistente spinge progressivamente la parte superiore della bocca in alto e in avanti, provocando alterazioni severe nello sviluppo di bocca e denti, come, per esempio: morso aperto, palato stretto e aumento della distanza tra i denti superiori e inferiori.

Come si manifestano i segni del ciuccio e del dito? 

Il tuo bambino è solito succhiare il dito e/o il ciuccio? Per capire se questa abitudine sta iniziando a lasciare i segni, ti consigliamo di:

guardare i denti perché potresti notare: 

  • sporgenza dei denti superiori, detta tecnicamente ‘’overjet aumentato’’;
  • denti anteriori spaziati, detti tecnicamente “diastemi interincisivi”;
  • denti posteriori dell’arcata superiore che chiudono internamente rispetto all’arcata inferiore, il cosiddetto “morso inverso” e “palato stretto”:
  • l’incapacità di chiudere i denti anteriori quando i denti posteriori sono a contatto, ovvero il “morso aperto anteriore”.

Guardare il viso perché potrebbe avere:

  • i denti superiori sporgenti nel sorriso, quella che tecnicamente viene chiamata “protrusione incisale”
  • un’interposizione del labbro inferiore tra le arcate dentali a riposo; più semplicemente, quando i denti superiori risultano molto sporgenti, il labbro inferiore tende a posizionarglisi dietro, causando il classico aspetto di “denti da coniglietto”;
  • difficoltà a tenere chiuse le labbra a riposo, la cosiddetta “incompetenza labiale”; infatti, quando i denti superiori sono molto sporgenti, il bimbo potrebbe non chiudere correttamente le labbra;
  • difficoltà di deglutizione, quando il bambino fatica a ingoiare e deve aiutarsi contraendo i muscoli del viso. 

Ascoltarlo mentre parla perché potrebbe avere:

un difetto di pronuncia, per esempio quello della S, causato dalla presenza di un morso aperto o di denti superiori eccessivamente inclinati. 

Cosa fare quando questa abitudine quando non scompare da sé?

Il Ministero della Salute raccomanda di ridurre la suzione non nutritiva a partire dai 2 anni, sospendendola entro i 3, così da limitare l’insorgere di alterazioni nello sviluppo della bocca. Se questa abitudine “viziata” viene abbandonata prima che spuntino i denti permanenti, molti dei problemi andranno incontro a una risoluzione spontanea.

Diversamente, per ridurre il succhiamento è possibile:

–  rendere consapevole il bambino, spiegandogli perché è opportuno abbandonare questa abitudine. 

  • Rinforzare positivamente gli sforzi del bambino nel cercare di controllare il succhiamento, premiandolo, quindi, quando non succhia; 
  • ridurre la gradevolezza del succhiamento, mettendo, per esempio, uno smalto amaro sul dito , praticando un forellino sul ciuccio o offrendo un succhiotto più piccolo del normale.

Quando il succhiamento del dito o del ciuccio si protrae per molti anni è opportuno consultare un ortodontista.

Qual è il compito dell’ortodontista? 

Un controllo dall’ortodontista può aiutare a identificare eventuali problematiche di sviluppo della bocca e dei denti. 

Quando il bambino non riesce a interrompere in tempo l’abitudine al succhiamento, può rivelarsi necessaria una terapia ortodontica tramite un apparecchio , tale terapia però è consigliabile dopo aver sospeso l’abitudine viziata. Perché? L’azione dell’apparecchio ortodontico potrebbe essere ostacolata o ridotta dalla spinta del ciuccio e/o del dito. 

Quali sono le principali terapie ortodontiche? 

  • Palato stretto: tra i 7 e i 10 anni, può essere corretto con un espansore palatale, ovvero un apparecchio di allargamento del palato, che migliora sia la masticazione che la qualità della respirazione nasale.
  • Denti in fuori: tra gli 8 e i 12 anni, è possibile utilizzare dei presidi che riportano i denti dell’arcata superiore all’interno della bocca, migliorando la chiusura delle labbra, l’armonia del sorriso e, infine, riducendo il pericolo di traumi dentali. 
  • Morso aperto: tra i 7 e i 10 anni, può essere corretto con apparecchi che portano i denti superiori a toccare quelli inferiori, migliorando la masticazione e gettando le basi per una migliore funzione della deglutizione.

È molto importante che l’approccio del genitore, del pediatra, dell’ortodontista e del logopedista sia molto sereno nei confronti del bambino che presenta questa abitudine viziata che persiste oltre i 3 anni. Per cercare di eliminare questo vizio, è  inutile e dannoso imporre al piccolo di smettere prepotentemente: questo atteggiamento accrescerebbe solo il suo bisogno di consolazione. Per esempio, uno stratagemma fantasioso e indolore potrebbe essere quello della fatina del ciuccio: appoggiate tutti i ciucci con un bel fiocco colorato sul davanzale della finestra o sul balcone e provate a dire a vostro figlio che di notte arriverà la fatina a prenderli per portarli ai bimbi più piccoli che ne hanno veramente bisogno. 

Comitato Editoriale FACExphttp://www.facexp.it
FACExp – Experts in Orthodontics è una Associazione di Dentisti e Ortodontisti contraddistinta da una lunga e continua formazione nazionale e internazionale post laurea orientata al campo ortodontico. I Centri FACExp sono costantemente aggiornati su innovazione tecnologica e progresso scientifico in grado, così, di offrire una consulenza altamente specializzata con risultati predicibili.

LEGGI ANCHE

Quando fare la prima visita ortodontica?Cosa sono le malocclusioni?

Lo specialista che si occupa del sorriso di bambini e adulti è l’ortodontista, un dentista specialista in ortodonzia, la branca che si occupa di...

Denti sporgenti: quali sono le cause e i rimedi?

In condizioni normali, i denti incisivi superiori si appoggiano agli incisivi inferiori coprendoli di 3-4 millimetri, come il coperchio di una scatola. Malocclusione ...

Traumi dentali: come affrontare quelli sui denti permanenti?

I denti possono incrinarsi, scheggiarsi e spezzarsi per varie ragioni. Secondo le stime del Ministero della Salute, la frequenza di eventi traumatici che prevedono...

Perché il paradenti è un valido alleato di chi fa sport?

Gli sport, soprattutto quelli di contatto come pallacanestro, pallavolo, calcio, rugby ed equitazione, sono spesso esposti al rischio di traumi dentali. Pensiamo alle possibili...
error: COPYRIGHT www.myfacexpert.it